post

Filmfestival del Garda > News > FFG22 > RITORNA IL FILMFESTIVAL DEL GARDA PER LA XV EDIZIONE

post cover

RITORNA IL FILMFESTIVAL DEL GARDA PER LA XV EDIZIONE

7 GIORNATE DI FILM, INCONTRI CON GLI AUTORI ED EVENTI SPECIALI

Dal 27 maggio al 2 giugno riuniti, grazie al cinema e alle proposte culturali del Filmfestival del Garda

L’immagine ufficiale del Filmfestival del Garda 2022 rivela l’anima di questa XV Edizione, l’Omaggio ai quarant’anni dalla scomparsa dell’attrice franco-tedesca Romy Schneider.

L’immagine, che ritrae l’attrice ventenne, è stata virata al rosso, colore istituzionale del Festival. Al centro della composizione visiva emerge l’azzurro degli occhi, che rende ancor più particolare la forza espressiva dell’attrice, musa di grandi registi. Sovrapposti all’immagine sono collocati degli elementi rettangolari verticali, metafora semplificata nella forma della dinamicità, delle pellicole cinematografiche. Le sfumature, le trasparenze, le scelte cromatiche e tipografiche sono ugualmente un richiamo alla pellicola. Disseminati nell’immagine si possono riconoscere i simboli dei pulsanti di controllo delle macchine da presa: riprodurre, arrestare, registrare, in avanti e riavvolgere.

Dopo due anni di emergenza sanitaria e due straordinarie edizioni ibride del Festival, quest’anno la kermesse gardesana torna in presenza per assolvere alla sua vocazione di tramite culturale tra il grande cinema autoriale e il pubblico.

Dal 27 maggio al 02 giugno il borgo di Cisano, sito nel comune di San Felice del Benaco, con la Fondazione Cominelli, saranno per un settimana la cittadella del cinema gardesano, polo socio-culturale di aggregazione e di Comunità.

L’omaggio dedicato a Romy Schneider attraverserà la vita professionale e privata dell’attrice, restituendone il fascino magnetico e interpretativo che la resero icona cinematografica internazionale.

I titoli in cartellone:

– La piscine (La piscina); di Jacques Deray 1969

– Les choses de la vie (L’amante); di Claude Sautet 1970

– 3 tage in Quiberon (3 giorni in Quiberon); di Emily Atef 2018

– Sissi (La principessa Sissi); di Ernst Marischka 1955

– Conversation avec Romy Schneider (Conversazione con Romy Schneider); di Patrick Jeudy 2017

Il Filmfestival del Garda riserverà inoltre un Omaggio per il centenario della morte di Pier Paolo Pasolini, artista e intellettuale che ha saputo raccontare in molteplici forme e dimensioni l’esperienza umana.